La star di Thunder Shai Gilgeous-Alexander sta giocando contro i Suns

Il secondo tempo inizia ufficialmente giovedì per gli OKC Thunder mentre si preparano per un duro incontro in casa contro i migliori Phoenix Suns della NBA. I Thunder sono stati senza la loro star del franchise Shai-Gilgeous Alexander per 10 partite a causa di una distorsione alla caviglia. Detto questo, Shai Gilgeous-Alexander sta giocando contro i Suns?

Shai Gilgeous-Alexander sta giocando contro i Suns
La risposta breve è sì, SGA tornerà finalmente alla formazione qui, il che è un enorme impulso al crollo del Thunder. La guardia canadese non gioca dal 28 gennaio contro gli Indiana Pacers, dove OKC alla fine ha perso un chiodo in OT.

Gilgeous-Alexander si sta godendo l’ennesima bella stagione, guidando i Thunder con un record di 22,7 punti a partita per la squadra, insieme a 5,5 assist e 4,7 rimbalzi. Mentre Josh Giddey lo ha tenuto giù dal punto di vista del regista, sarà rinfrescante per i Thunder riportare uno dei loro migliori marcatori e facilitatori nel mix.

Inoltre, l’utilizzo di SGA è il più alto su OKC con quasi il 30% a notte. Riceve molti tocchi e sarà sicuramente un punto focale contro i Suns. In sostanza, Gilgeous-Alexander ha rotolato la caviglia destra in quella gara contro l’Indiana e non è potuto tornare. Ha trascorso l’ultimo mese in riabilitazione e ha persino preso in giro il suo ritorno durante la pausa All-Star con questo post:

I fan di Thunder saranno senza dubbio entusiasti di vedere di nuovo SGA in campo. Sebbene Oklahoma City non sia affatto vicino alla contesa, è la pietra angolare della loro franchigia e un pezzo chiave dell’offesa ogni singola notte. L’allenatore Mark Daigneault potrebbe inizialmente mettergli una restrizione sui minuti solo per essere prudente. Prima di andare sullo scaffale, Gilgeous-Alexander ha perso 25+ in tre partite consecutive. Speriamo che possa ritrovare quella brillantezza ancora una volta.

Quindi, per rispondere alla domanda, stasera suonerà Shai Gilgeous-Alexander? La risposta è sì, prenderà la parola.

Segnala: Celtics Star Jayson Tatum diventa speciale 2022 NBA All-Star Honor con le reti Kevin Durant Out

Boston Celtics Star Jayson Tatum‘s status è stato aggiornato per il prossimo gioco All-Star del 2022 NBA in mezzo all’indisponibilità di Kevin Durant per la corrispondenza espositiva molto attesa.

È stato annunciato lunedì che Tatum è stato ora eletto per essere un antipasto per il gioco all-stella con Durant ancora allattamento di uno slogatura MCL nel suo ginocchio sinistro (H / T NBA Communications on Twitter):

Tatum unirà ora Demar Derozan, TRAE Young, Giannis Antetokounmpo e Joel Embriid, che hanno tutti stati nominati gli antipasti per l’Oriente. La stella di Celtics, tuttavia, non assumerà il ruolo di Durant come il capitano per la squadra.

È stato anche annunciato lunedì che due i primi timer prenderanno il posto di Durant e Draymond Green, che si è anche ritirato dalla squadra a causa della ferita. I calabroni Charlotte Star Lamelo Star Ball si uniscono alle feste di Cleveland, e quindi Dejotete Murray degli speroni di San Antonio. La palla, in particolare, era ampiamente considerata come uno dei più grandi snobbing nel voto di tutte le stelle, ed è solo adatto che è stato nominato come uno dei sostituti.

Il 2022 NBA All-Star Game è previsto per domenica 20 febbraio, come l’evento culminante per quello dovrebbe essere un weekend all-star altamente divertente.

Damian Lillard sta giocando contro i Raptors

I Portland Trail Blazers chiudono una trasferta di sei partite domenica con un match contro i Toronto Raptors. Damian Lillard non ha giocato negli ultimi 10 della sua squadra, un tratto in cui Portland ha segnato uno straordinario 6-4. Il playmaker superstar dei Blazers tornerà sul pavimento a nord?

Damian Lillard sta giocando contro i Raptors
Lillard ha subito il peggior crollo della sua carriera per iniziare la stagione regolare, perdendo quasi completamente il suo tocco da tre mentre sembrava un mezzo passo lento rispetto agli anni passati. Dopo una frustrante sconfitta contro i Cleveland Cavaliers il 3 novembre in cui ha tirato 10 su 27 dal campo e ha commesso più gaffe a fine partita, Lillard ha finalmente ammesso che il suo infortunio al core di lunga data stava influenzando il suo gioco.

«Ho fatto una giocata nel primo tempo andando verso il bordo, mi sono rinforzato contro il contatto e il mio addominale si è appena irrigidito un po'», ha detto. «È uscito dopo, ma mi ha solo irrigidito un po’.»

Immediatamente dopo la vittoria del Team USA nella partita per la medaglia d’oro olimpica il 6 agosto, sono emerse notizie secondo cui Lillard, che aveva lottato su entrambe le estremità in Giappone, aveva dovuto affrontare un infortunio al core che lo aveva lasciato a meno del 100%. Si è lamentato del suo tronco tenero in più occasioni anche nel 2020-21.

Dopo una vittoria sui Toronto Raptors il 16 novembre, Lillard ha parlato dell’entità del suo infortunio.

«È stretto, irritato», ha detto Lillard. “È frustrante, ma ci ho giocato nelle ultime tre e mezzo, quattro stagioni. È solo frustrante. Sono pronto per giocare nel pieno della mia carriera al 100%, ed è frustrante non poterlo fare negli ultimi tre, quattro anni».

I Blazers hanno annunciato il 1° dicembre che Lillard, che aveva saltato la gara di ritorno della sua squadra contro i Detroit Pistons 24 ore prima, avrebbe saltato almeno 10 giorni a causa della gestione degli infortuni dopo che una risonanza magnetica aveva confermato la sua tendinopatia addominale inferiore. Lillard è tornato due settimane dopo dopo aver saltato cinque partite, raggiungendo rapidamente il livello di gioco d’élite che gli era in gran parte sfuggito prima di sedersi.

«Mi sentivo abbastanza bene, meglio di come mi sentivo da molto tempo», ha detto il 12 dicembre a seguito di una dura sconfitta contro i Minnesota Timberwolves. «Mi sono sentito molto meglio.»

Il gioco dominante di Lillard e il tempo passato in campo non sono durati a lungo, però. Proprio quando i suoi compagni di squadra hanno iniziato a tornare dai protocolli di salute e sicurezza, Portland ha annunciato il 5 gennaio che Lillard avrebbe saltato almeno una settimana mentre cercava ulteriori consultazioni sul suo infortunio. Prima della vittoria della sua squadra su Sacramento il 9 gennaio, Chauncey Billups ha rivelato che Lillard non avrebbe viaggiato durante il viaggio di Portland per cercare ulteriori consultazioni sul suo infortunio.

https://twitter.com/BlazersNationCP/status/1481402908143161350

Lillard ha subito un intervento chirurgico al tronco il 13 gennaio e dovrebbe essere rivalutato tra cinque settimane. Il suo potenziale ritorno in campo nel 2021-22 dipenderà non solo dai progressi della sua riabilitazione, ma da dove i Blazers saranno in classifica una volta che sarà abbastanza in salute per giocare.

«È stata una situazione in cui è stata una stagione difficile, non sono in salute», ha detto Lillard al giornalista della squadra Casey Holdahl dopo l’intervento chirurgico. “Qual è il ritorno su di me che mi picchia per un altro anno? E poi alla fine dell’anno, come sarà? E ora sono arrivato alla fine della stagione e stiamo cercando di farlo alla fine della stagione e ora devo passare attraverso la riabilitazione, il recupero, rimettermi in forma, allenarmi e tutto il resto e poi la stagione è di nuovo qui e non c’è stata davvero una pausa fisica o mentale. Allora perché non cogliere questa opportunità ora, ingoiare il mio orgoglio e giocare a lungo? Forse aggiungere due anni alla mia carriera invece di toglierne due».

Lillard ha ribadito quella pazienza durante l’incontro con i giornalisti sabato, insistendo sul fatto che «non ha fretta» di tornare in pista il più rapidamente possibile, specialmente se Portland dà la priorità alla posizione del draft nella seconda metà della stagione rispetto a dove si trova nel classifica.

«Voglio dire, se giochiamo per una scelta al draft, non avrebbe senso per me», ha detto Lillard. “Perché non giocherò senza una scelta al draft. Semplicemente non ne sono capace», ha detto. «Quindi sarebbe meglio se fosse quello che stavamo facendo, o quello che è stato deciso, allora non avrebbe senso per me giocare».

Domenica Lillard giocherà contro i Raptors? No, e c’è una chiara possibilità che la sua stagione possa finire.

Il ruolo cruciale di Damian Lillard nell’ascesa alla celebrità di Anfernee Simons, secondo Chauncey Billups

I Portland Trail Blazers[canotte basket Portland Trail Blazers poco prezzo], ancora impoveriti, hanno utilizzato una delle loro prestazioni più equilibrate della stagione per guadagnare una rara vittoria su strada sabato, battendo i Washington Wizards 115-110 nella capitale della nazione. La vittoria dei Blazers è stata solo la terza trasferta in casa in tutta la stagione e li porta a 17-25 in totale, ancora decimo nella Western Conference. Ma un certo ottimismo sta crescendo per Portland a prescindere, con Anfernee Simons che continua a prosperare nel presente mentre prevede un futuro ancora più luminoso.

Simons ha dominato in un’altra opportunità come il principale gestore di palla di Portland sabato, perdendo 31 punti e 11 assist, pareggiando un record in carriera all’inizio di questa settimana, con 11 su 21 tiri complessivi e 7 su 14 da oltre l’arco. Ha accumulato 26 di quei punti durante un primo tempo sbalorditivo, colpendo tutte e sette le sue triple mentre giocava perfettamente nel flusso dell’attacco. Simons ha perso il suo maglione dopo l’intervallo, ma ha avuto comunque un impatto significativo grazie alla sua volontà di spostare rapidamente la palla quando Washington gli ha inviato due difensori in pick-and-roll.

«Ha semplicemente aperto tutto», ha detto Chauncey Billups del suo approccio come regista. “Ho amato la sua pazienza nelle doppie squadre. A volte ce l’ha fatta in fretta, a volte ha trascinato un po’ la difesa, dando a Nurk la possibilità di rimettersi in sesto. Ho solo pensato che Ant avesse fatto davvero un ottimo lavoro nel leggere il gioco.

Simons ha una media di 28,3 punti e 8,2 assist nelle ultime sei partite, tutte arrivate come regista principale dei Blazers con Damian Lillard e CJ McCollum messi da parte. Tuttavia, quell’enorme picco di utilizzo non è stato accompagnato da inefficienza. Sta tirando il 51,3% in totale e il 45,7% su quasi 12 tre a partita in quel lasso di tempo, ottimo per una percentuale di field goal effettiva di 65,2, quasi 13 punti in più rispetto alla media del campionato.

Non si tratta solo di sparare e finire a guidare il breakout play di Simons. Sembrava la parte di un generale di pavimento a tempo pieno contro i Wizards, manipolando costantemente la difesa con dribbling extra, angoli più ampi e falsi falsi mentre commetteva solo due palle perse. Simons ha una media di soli 2,7 errori da quando Lillard è stato nuovamente messo da parte, un numero perfettamente accettabile per qualsiasi regista di cani alfa, per non parlare di uno che occupa quel ruolo per la prima volta mentre i suoi compagni di squadra si siedono.

«Sta solo crescendo davanti ai nostri occhi», ha detto Billups. “Non è solo la libertà che sta ricevendo da come vogliamo giocare come staff. Sono solo Dame e CJ e quei ragazzi che si sono riversati su di lui nel corso degli anni, e ora è l’opportunità di prepararsi all’incontro. Non sono sorpreso. Forse alcune persone lo sono, ma io no».negozio canotte basket poco prezzo

McCollum tornerà in formazione lunedì e presto tornerà anche Norman Powell. È ancora possibile che Lillard torni a marzo o oltre. Ma è significativo che Billups abbia stoicamente esitato dopo la partita quando gli è stato chiesto se la presenza di McCollum cambierà ciò che i Blazer chiedono a Simons.

La stagione di Portland non è andata come tutti volevano. Anche un’improbabile spinta di fine stagione per una testa di serie tra le prime sei non cambierebbe le cupe prospettive di questa squadra nei playoff. Almeno i Blazers sembrano aver trovato una nuova star nostrana, però. Il prossimo passo è assicurarsi che Simons continui a portare il suo gioco a nuovi livelli.

Trae Young batte il record degli Hawks di Dominique Wilkins contro i Lakers

Non è solo la star dei Los Angeles Lakers LeBron James a fare la storia venerdì sera. Anche la guardia degli Atlanta Hawks Trae Young si è lanciata verso un record di franchigia mai raggiunto prima.

Young ha concluso la partita contro i Lakers con 25 punti, nove rimbalzi e 14 assist nella sconfitta per 134-118. Mentre gli Hawks avrebbero desiderato la W, la prestazione di Young ha comunque fornito alcuni aspetti positivi poiché ora detiene il record per la serie più lunga con almeno 25 punti nella storia della squadra.

Come evidenziato da ESPN Stats & Info, Young ha battuto il record detenuto da Dominique Wilkins con la sua 17a partita consecutiva da 25 punti. È iniziato lo scorso 22 novembre e il cecchino ha la possibilità di estendere quell’impresa domenica contro i Los Angeles Clippers.

Sfortunatamente per Trae Young, l’unico difetto del suo gioco altrimenti solido sono state le nove palle perse contro i Lakers. Ha avuto difficoltà a gestire la difesa di Los Angeles, quindi ha sicuramente bisogno di lavorare su quell’aspetto del suo gioco se vuole mantenere la sua serie di gol mentre guida gli Hawks alla vittoria.

L’Atlanta è scesa a 17-21 in stagione, il 12° posto nella Eastern Conference. È un enorme calo rispetto alla loro prestazione nel 2020-21, durante la quale sono arrivati ​​​​quinti e sono arrivati ​​​​alle finali della conferenza.

È ancora troppo presto per contare gli Hawks e, con il modo in cui sta giocando Young, possono sicuramente dare una svolta alla loro campagna.

I Warriors ricevono un promettente aggiornamento su James Wiseman

I Golden State Warriors sono stati colpiti da alcuni giocatori secondo i protocolli COVID-19. Fortunatamente, James Wiseman non è più uno di loro dopo essere stato scagionato lunedì, secondo Steve Kerr.

Kerr ha anche detto che la speranza è che Wiseman avanzi a contattare il lavoro la prossima settimana. Non andrà in viaggio con i Warriors (tramite Anthony Slater di The Athletic).

I Warriors sono stati in grado di trovare molto successo in questa stagione in quanto sono probabilmente la migliore squadra di tutta la pallacanestro durante quasi i primi tre mesi. Quello che sono stati in grado di fare senza il loro giocatore del secondo anno Wiseman è sicuramente impressionante. Sono stati anche in grado di giocare bene senza Klay Thompson. Klay è programmato per tornare entro una settimana o giù di lì e questo sarà sicuramente un grande impulso per i Warriors.

Golden State ha attualmente il miglior record della NBA con 28-7. Non ci sono un sacco di punti negativi nel roster dei Warriors, ma hanno un disperato bisogno di un protettore del cerchione. Per il bene dei Warriors, sperano che Wiseman possa aiutare a ricoprire un po’ quel ruolo.

Se può tornare e difendere il cerchio a un livello piuttosto alto, Golden State avrà un momento molto difficile da perdere. Considera che Klay tornerà presto e le squadre NBA della lega non vorranno dover affrontare i Warriors nei playoff.

Stephen Curry afferma che le lotte di tiro di Jonathan Kuminga sono «buone»

San Francisco, CA – Martedì sera i Golden State Warriors hanno perso una partita contro i Denver Nuggets. È stata una partita a punteggio basso che si è conclusa 89-86. Tutti hanno faticato a mettere la palla nel canestro, specialmente il debuttante dei Warriors Jonathan Kuminga sulla linea di tiro libero. Ha iniziato il gioco 0-5 dalla fascia di beneficenza prima di fare il suo sesto tentativo.

Quando Stephen Curry ha riflettuto sulla performance di Kuminga dalla linea, ha guardato le cose in modo positivo.

“Penso che potrebbe essere positivo per lui in termini di gestione di un periodo difficile e di fiducia in se stessi. Questo è tutto ciò che puoi fare in questo campionato. Passerai praticamente di tutto ad un certo punto. Quindi sono entusiasta di vedere come si riprenderà», ha detto Curry a ClutchPoints.

Kuminga ha terminato il gioco 3-10 dalla linea di tiro libero. All’inizio, i tiri liberi sembravano averlo un po’ scosso. Nella ripresa ha ritrovato un po’ di compostezza e ne ha messo insieme una buona metà. Ha giocato abbastanza bene da permettere a Steve Kerr di fidarsi di lui nel momento più significativo della partita.

Moses Moody nel podcast Multiverse dei Warriors clicca sul link qui sotto

Con i secondi rimasti nel gioco, ha quasi segnato il canestro del pareggio. Ma è stato smentito dall’MVP in carica Nikola Jokic. Quello che era quasi il gioco per Kuminga e i Warriors si è trasformato nel gioco per i Nuggets.

Anche se Kuminga non è riuscito a completare il gioco, è stato bello vederlo entrare in pista nel secondo tempo. Fortunatamente, il debuttante non dovrà aspettare a lungo per un’altra possibilità ai Nuggets. I Warriors li giocheranno di nuovo nella loro prossima partita giovedì.

Nikola Jokic fa tutti i tipi di storia nella vittoria della frizione dei Nuggets contro i Clippers

Nikola Jokic ha mancato Marcus Morris nella vittoria dei Denver Nuggets sui Los Angeles Clippers domenica sera. Ma non ha perso l’occasione di offrire un’altra performance memorabile.

Jokic ha portato i Nuggets alla vittoria 103-100 per migliorare fino a 16-16, finendo con numeri mostruosi di 26 punti, 22 rimbalzi, otto assist, due palle rubate e due muri. Dire che ha fatto tutto ancora una volta sarebbe un grossolano eufemismo. Schifoso come un’insalata di patate con uvetta.

Con l’ennesima prestazione da MVP, Jokic ha ora sei partite 20-20, battendo il precedente record dei Nuggets stabilito da Marcus Camby.

Jokic è diventato anche il primo giocatore a registrare partite consecutive con 25+ punti, 20+ rimbalzi e 5+ assist da quando la leggenda NBA Charles Barkley lo fece per i Philadelphia 76ers nel 1988. Jokic aveva 29 punti e 25 rimbalzi nel loro sconfitta contro gli Charlotte Hornets giovedì scorso.

È quasi una parodia che Jokic non sia menzionato abbastanza nelle conversazioni di MVP di questa stagione a causa del record di pedoni dei Nuggets. Ma ha tenuto a galla la squadra quasi da solo, anche senza le altre star Jamal Murray e Michael Porter Jr.

Infatti, secondo StatMuse, Jokic sta attualmente vivendo la più grande stagione PER nella storia della NBA.

È pazzesco pensare che il genio di Jokic sia ancora abbastanza sottovalutato. Potrebbe non essere appariscente come le altre superstar NBA, ma i Nuggets sarebbero fatti a pezzi senza di lui. Anche Morris, il fratello gemello del suo precedente nemico, dovrebbe essere d’accordo.

I Nuggets avranno un altro duro test martedì contro i Golden State Warriors.

L’aggiornamento dell’infortunio della star dei Clippers Kawhi Leonard da Jerry West stimolerà i fan del LAC

Il mondo del basket ha sentito molto la mancanza di Kawhi Leonard. La superstar dei Los Angeles Clippers[canotte basket Los Angeles Clippers poco prezzo] è fuori dall’inizio della stagione a causa di un infortunio alla gamba subito nei playoff dello scorso anno. Ora, mentre l’anno 2021 volge al termine, apprendiamo che il ritorno di Fun Guy potrebbe arrivare prima del previsto.

Secondo il recente aggiornamento del dirigente dei Clippers Jerry West, Kawhi Leonard sta facendo incredibili progressi nella sua riabilitazione da un infortunio. Ecco cosa ha da dire The Logo su Kawhi. (tramite Sports Illustrated)

“Devo dire che non ho mai visto una persona che lavora più duramente in vita mia. Se lo guardi ora, sembra fantastico. Fare cose che non mi aspettavo potesse fare… Solo guardandolo, mio ​​Dio, se lo guardi camminare in giro, non sapresti mai che ha subito quell’operazione.

È una notizia incoraggiante per quanto riguarda lo stato di Kawhi. Il suo incarico con i Clippers è stato rovinato dalla gestione del carico che non è riuscita a proteggerlo dagli infortuni nella postseason. Con alcuni mesi di recupero che sembrano andare bene, possiamo aspettarci il ritorno del Klaw in qualunque momento presto.

Non come se i Clippers avessero lottato senza di lui, comunque. Nonostante manchi metà del loro duo di stelle, la squadra ha un discreto record di 17-15 e il quinto posto nella Western Conference. Potrebbero fare di meglio con Kawhi indietro? Assolutamente sì, ma il fatto che i Clippers non stiano cadendo da una scogliera senza la loro stella significa che Leonard può prendersi del tempo per riprendersi.negozio canotte basket poco prezzo

I Clippers sono stati una squadra piuttosto buona anche senza The Klaw. Quando Kawhi Leonard tornerà per infortunio, potremmo vedere un nuovo re incoronato a Los Angeles, con i Lakers che lottano strenuamente.

Isaiah Thomas mostra un amore folle ai fan dopo l’incredibile debutto dei Lakers

Isiah Thomas ha fatto notizia venerdì dopo un debutto degno di nota per i Los Angeles Lakers. Los Angeles è stata spazzata via dai Minnesota Timberwolves, 110-92, ma la performance di IT si è rivelata l’unico punto luminoso di una serata altrimenti deludente per LA.

Thomas è ora andato su Twitter per esprimere la sua gratitudine per l’effusione di supporto che ha ricevuto durante il suo viaggio verso un ritorno NBA:

https://twitter.com/isaiahthomas/status/1472298284173639684

La nuova guardia dei Lakers non ha altro che amore per i tifosi, che gli hanno dato supporto e incoraggiamento negli ultimi due anni. Venerdì, Thomas ha ricevuto una standing ovation dal pubblico di casa dei Timberwolves mentre si registrava per la prima volta in partita dopo una pausa di otto mesi dalla lega.

Quello che possiamo dire con certezza è che dopo tutto il duro lavoro che ha fatto per tornare al punto in cui si trova ora, Isaiah Thomas non riposerà sugli allori. Attualmente ha un contratto di 10 giorni con i Lakers e siamo certi che farà tutto il possibile per sfruttare al meglio questa opportunità. Los Angeles è decimata dagli infortuni in questo momento, il che potrebbe aprire la porta a Thomas per assicurarsi un accordo per il resto della stagione con la squadra. Come tutti vorremmo vederlo, giusto?