Damian Lillard sta giocando contro i Raptors

I Portland Trail Blazers chiudono una trasferta di sei partite domenica con un match contro i Toronto Raptors. Damian Lillard non ha giocato negli ultimi 10 della sua squadra, un tratto in cui Portland ha segnato uno straordinario 6-4. Il playmaker superstar dei Blazers tornerà sul pavimento a nord?

Damian Lillard sta giocando contro i Raptors
Lillard ha subito il peggior crollo della sua carriera per iniziare la stagione regolare, perdendo quasi completamente il suo tocco da tre mentre sembrava un mezzo passo lento rispetto agli anni passati. Dopo una frustrante sconfitta contro i Cleveland Cavaliers il 3 novembre in cui ha tirato 10 su 27 dal campo e ha commesso più gaffe a fine partita, Lillard ha finalmente ammesso che il suo infortunio al core di lunga data stava influenzando il suo gioco.

«Ho fatto una giocata nel primo tempo andando verso il bordo, mi sono rinforzato contro il contatto e il mio addominale si è appena irrigidito un po'», ha detto. «È uscito dopo, ma mi ha solo irrigidito un po’.»

Immediatamente dopo la vittoria del Team USA nella partita per la medaglia d’oro olimpica il 6 agosto, sono emerse notizie secondo cui Lillard, che aveva lottato su entrambe le estremità in Giappone, aveva dovuto affrontare un infortunio al core che lo aveva lasciato a meno del 100%. Si è lamentato del suo tronco tenero in più occasioni anche nel 2020-21.

Dopo una vittoria sui Toronto Raptors il 16 novembre, Lillard ha parlato dell’entità del suo infortunio.

«È stretto, irritato», ha detto Lillard. “È frustrante, ma ci ho giocato nelle ultime tre e mezzo, quattro stagioni. È solo frustrante. Sono pronto per giocare nel pieno della mia carriera al 100%, ed è frustrante non poterlo fare negli ultimi tre, quattro anni».

I Blazers hanno annunciato il 1° dicembre che Lillard, che aveva saltato la gara di ritorno della sua squadra contro i Detroit Pistons 24 ore prima, avrebbe saltato almeno 10 giorni a causa della gestione degli infortuni dopo che una risonanza magnetica aveva confermato la sua tendinopatia addominale inferiore. Lillard è tornato due settimane dopo dopo aver saltato cinque partite, raggiungendo rapidamente il livello di gioco d’élite che gli era in gran parte sfuggito prima di sedersi.

«Mi sentivo abbastanza bene, meglio di come mi sentivo da molto tempo», ha detto il 12 dicembre a seguito di una dura sconfitta contro i Minnesota Timberwolves. «Mi sono sentito molto meglio.»

Il gioco dominante di Lillard e il tempo passato in campo non sono durati a lungo, però. Proprio quando i suoi compagni di squadra hanno iniziato a tornare dai protocolli di salute e sicurezza, Portland ha annunciato il 5 gennaio che Lillard avrebbe saltato almeno una settimana mentre cercava ulteriori consultazioni sul suo infortunio. Prima della vittoria della sua squadra su Sacramento il 9 gennaio, Chauncey Billups ha rivelato che Lillard non avrebbe viaggiato durante il viaggio di Portland per cercare ulteriori consultazioni sul suo infortunio.

https://twitter.com/BlazersNationCP/status/1481402908143161350

Lillard ha subito un intervento chirurgico al tronco il 13 gennaio e dovrebbe essere rivalutato tra cinque settimane. Il suo potenziale ritorno in campo nel 2021-22 dipenderà non solo dai progressi della sua riabilitazione, ma da dove i Blazers saranno in classifica una volta che sarà abbastanza in salute per giocare.

«È stata una situazione in cui è stata una stagione difficile, non sono in salute», ha detto Lillard al giornalista della squadra Casey Holdahl dopo l’intervento chirurgico. “Qual è il ritorno su di me che mi picchia per un altro anno? E poi alla fine dell’anno, come sarà? E ora sono arrivato alla fine della stagione e stiamo cercando di farlo alla fine della stagione e ora devo passare attraverso la riabilitazione, il recupero, rimettermi in forma, allenarmi e tutto il resto e poi la stagione è di nuovo qui e non c’è stata davvero una pausa fisica o mentale. Allora perché non cogliere questa opportunità ora, ingoiare il mio orgoglio e giocare a lungo? Forse aggiungere due anni alla mia carriera invece di toglierne due».

Lillard ha ribadito quella pazienza durante l’incontro con i giornalisti sabato, insistendo sul fatto che «non ha fretta» di tornare in pista il più rapidamente possibile, specialmente se Portland dà la priorità alla posizione del draft nella seconda metà della stagione rispetto a dove si trova nel classifica.

«Voglio dire, se giochiamo per una scelta al draft, non avrebbe senso per me», ha detto Lillard. “Perché non giocherò senza una scelta al draft. Semplicemente non ne sono capace», ha detto. «Quindi sarebbe meglio se fosse quello che stavamo facendo, o quello che è stato deciso, allora non avrebbe senso per me giocare».

Domenica Lillard giocherà contro i Raptors? No, e c’è una chiara possibilità che la sua stagione possa finire.

Il ruolo cruciale di Damian Lillard nell’ascesa alla celebrità di Anfernee Simons, secondo Chauncey Billups

I Portland Trail Blazers[canotte basket Portland Trail Blazers poco prezzo], ancora impoveriti, hanno utilizzato una delle loro prestazioni più equilibrate della stagione per guadagnare una rara vittoria su strada sabato, battendo i Washington Wizards 115-110 nella capitale della nazione. La vittoria dei Blazers è stata solo la terza trasferta in casa in tutta la stagione e li porta a 17-25 in totale, ancora decimo nella Western Conference. Ma un certo ottimismo sta crescendo per Portland a prescindere, con Anfernee Simons che continua a prosperare nel presente mentre prevede un futuro ancora più luminoso.

Simons ha dominato in un’altra opportunità come il principale gestore di palla di Portland sabato, perdendo 31 punti e 11 assist, pareggiando un record in carriera all’inizio di questa settimana, con 11 su 21 tiri complessivi e 7 su 14 da oltre l’arco. Ha accumulato 26 di quei punti durante un primo tempo sbalorditivo, colpendo tutte e sette le sue triple mentre giocava perfettamente nel flusso dell’attacco. Simons ha perso il suo maglione dopo l’intervallo, ma ha avuto comunque un impatto significativo grazie alla sua volontà di spostare rapidamente la palla quando Washington gli ha inviato due difensori in pick-and-roll.

«Ha semplicemente aperto tutto», ha detto Chauncey Billups del suo approccio come regista. “Ho amato la sua pazienza nelle doppie squadre. A volte ce l’ha fatta in fretta, a volte ha trascinato un po’ la difesa, dando a Nurk la possibilità di rimettersi in sesto. Ho solo pensato che Ant avesse fatto davvero un ottimo lavoro nel leggere il gioco.

Simons ha una media di 28,3 punti e 8,2 assist nelle ultime sei partite, tutte arrivate come regista principale dei Blazers con Damian Lillard e CJ McCollum messi da parte. Tuttavia, quell’enorme picco di utilizzo non è stato accompagnato da inefficienza. Sta tirando il 51,3% in totale e il 45,7% su quasi 12 tre a partita in quel lasso di tempo, ottimo per una percentuale di field goal effettiva di 65,2, quasi 13 punti in più rispetto alla media del campionato.

Non si tratta solo di sparare e finire a guidare il breakout play di Simons. Sembrava la parte di un generale di pavimento a tempo pieno contro i Wizards, manipolando costantemente la difesa con dribbling extra, angoli più ampi e falsi falsi mentre commetteva solo due palle perse. Simons ha una media di soli 2,7 errori da quando Lillard è stato nuovamente messo da parte, un numero perfettamente accettabile per qualsiasi regista di cani alfa, per non parlare di uno che occupa quel ruolo per la prima volta mentre i suoi compagni di squadra si siedono.

«Sta solo crescendo davanti ai nostri occhi», ha detto Billups. “Non è solo la libertà che sta ricevendo da come vogliamo giocare come staff. Sono solo Dame e CJ e quei ragazzi che si sono riversati su di lui nel corso degli anni, e ora è l’opportunità di prepararsi all’incontro. Non sono sorpreso. Forse alcune persone lo sono, ma io no».negozio canotte basket poco prezzo

McCollum tornerà in formazione lunedì e presto tornerà anche Norman Powell. È ancora possibile che Lillard torni a marzo o oltre. Ma è significativo che Billups abbia stoicamente esitato dopo la partita quando gli è stato chiesto se la presenza di McCollum cambierà ciò che i Blazer chiedono a Simons.

La stagione di Portland non è andata come tutti volevano. Anche un’improbabile spinta di fine stagione per una testa di serie tra le prime sei non cambierebbe le cupe prospettive di questa squadra nei playoff. Almeno i Blazers sembrano aver trovato una nuova star nostrana, però. Il prossimo passo è assicurarsi che Simons continui a portare il suo gioco a nuovi livelli.