Stephen Curry afferma che le lotte di tiro di Jonathan Kuminga sono “buone”

San Francisco, CA – Martedì sera i Golden State Warriors hanno perso una partita contro i Denver Nuggets. È stata una partita a punteggio basso che si è conclusa 89-86. Tutti hanno faticato a mettere la palla nel canestro, specialmente il debuttante dei Warriors Jonathan Kuminga sulla linea di tiro libero. Ha iniziato il gioco 0-5 dalla fascia di beneficenza prima di fare il suo sesto tentativo.

Quando Stephen Curry ha riflettuto sulla performance di Kuminga dalla linea, ha guardato le cose in modo positivo.

“Penso che potrebbe essere positivo per lui in termini di gestione di un periodo difficile e di fiducia in se stessi. Questo è tutto ciò che puoi fare in questo campionato. Passerai praticamente di tutto ad un certo punto. Quindi sono entusiasta di vedere come si riprenderà”, ha detto Curry a ClutchPoints.

Kuminga ha terminato il gioco 3-10 dalla linea di tiro libero. All’inizio, i tiri liberi sembravano averlo un po’ scosso. Nella ripresa ha ritrovato un po’ di compostezza e ne ha messo insieme una buona metà. Ha giocato abbastanza bene da permettere a Steve Kerr di fidarsi di lui nel momento più significativo della partita.

Moses Moody nel podcast Multiverse dei Warriors clicca sul link qui sotto

Con i secondi rimasti nel gioco, ha quasi segnato il canestro del pareggio. Ma è stato smentito dall’MVP in carica Nikola Jokic. Quello che era quasi il gioco per Kuminga e i Warriors si è trasformato nel gioco per i Nuggets.

Anche se Kuminga non è riuscito a completare il gioco, è stato bello vederlo entrare in pista nel secondo tempo. Fortunatamente, il debuttante non dovrà aspettare a lungo per un’altra possibilità ai Nuggets. I Warriors li giocheranno di nuovo nella loro prossima partita giovedì.

Nikola Jokic fa tutti i tipi di storia nella vittoria della frizione dei Nuggets contro i Clippers

Nikola Jokic ha mancato Marcus Morris nella vittoria dei Denver Nuggets sui Los Angeles Clippers domenica sera. Ma non ha perso l’occasione di offrire un’altra performance memorabile.

Jokic ha portato i Nuggets alla vittoria 103-100 per migliorare fino a 16-16, finendo con numeri mostruosi di 26 punti, 22 rimbalzi, otto assist, due palle rubate e due muri. Dire che ha fatto tutto ancora una volta sarebbe un grossolano eufemismo. Schifoso come un’insalata di patate con uvetta.

Con l’ennesima prestazione da MVP, Jokic ha ora sei partite 20-20, battendo il precedente record dei Nuggets stabilito da Marcus Camby.

Jokic è diventato anche il primo giocatore a registrare partite consecutive con 25+ punti, 20+ rimbalzi e 5+ assist da quando la leggenda NBA Charles Barkley lo fece per i Philadelphia 76ers nel 1988. Jokic aveva 29 punti e 25 rimbalzi nel loro sconfitta contro gli Charlotte Hornets giovedì scorso.

È quasi una parodia che Jokic non sia menzionato abbastanza nelle conversazioni di MVP di questa stagione a causa del record di pedoni dei Nuggets. Ma ha tenuto a galla la squadra quasi da solo, anche senza le altre star Jamal Murray e Michael Porter Jr.

Infatti, secondo StatMuse, Jokic sta attualmente vivendo la più grande stagione PER nella storia della NBA.

È pazzesco pensare che il genio di Jokic sia ancora abbastanza sottovalutato. Potrebbe non essere appariscente come le altre superstar NBA, ma i Nuggets sarebbero fatti a pezzi senza di lui. Anche Morris, il fratello gemello del suo precedente nemico, dovrebbe essere d’accordo.

I Nuggets avranno un altro duro test martedì contro i Golden State Warriors.

L’aggiornamento dell’infortunio della star dei Clippers Kawhi Leonard da Jerry West stimolerà i fan del LAC

Il mondo del basket ha sentito molto la mancanza di Kawhi Leonard. La superstar dei Los Angeles Clippers[canotte basket Los Angeles Clippers poco prezzo] è fuori dall’inizio della stagione a causa di un infortunio alla gamba subito nei playoff dello scorso anno. Ora, mentre l’anno 2021 volge al termine, apprendiamo che il ritorno di Fun Guy potrebbe arrivare prima del previsto.

Secondo il recente aggiornamento del dirigente dei Clippers Jerry West, Kawhi Leonard sta facendo incredibili progressi nella sua riabilitazione da un infortunio. Ecco cosa ha da dire The Logo su Kawhi. (tramite Sports Illustrated)

“Devo dire che non ho mai visto una persona che lavora più duramente in vita mia. Se lo guardi ora, sembra fantastico. Fare cose che non mi aspettavo potesse fare… Solo guardandolo, mio ​​Dio, se lo guardi camminare in giro, non sapresti mai che ha subito quell’operazione.

È una notizia incoraggiante per quanto riguarda lo stato di Kawhi. Il suo incarico con i Clippers è stato rovinato dalla gestione del carico che non è riuscita a proteggerlo dagli infortuni nella postseason. Con alcuni mesi di recupero che sembrano andare bene, possiamo aspettarci il ritorno del Klaw in qualunque momento presto.

Non come se i Clippers avessero lottato senza di lui, comunque. Nonostante manchi metà del loro duo di stelle, la squadra ha un discreto record di 17-15 e il quinto posto nella Western Conference. Potrebbero fare di meglio con Kawhi indietro? Assolutamente sì, ma il fatto che i Clippers non stiano cadendo da una scogliera senza la loro stella significa che Leonard può prendersi del tempo per riprendersi.negozio canotte basket poco prezzo

I Clippers sono stati una squadra piuttosto buona anche senza The Klaw. Quando Kawhi Leonard tornerà per infortunio, potremmo vedere un nuovo re incoronato a Los Angeles, con i Lakers che lottano strenuamente.

Isaiah Thomas mostra un amore folle ai fan dopo l’incredibile debutto dei Lakers

Isiah Thomas ha fatto notizia venerdì dopo un debutto degno di nota per i Los Angeles Lakers. Los Angeles è stata spazzata via dai Minnesota Timberwolves, 110-92, ma la performance di IT si è rivelata l’unico punto luminoso di una serata altrimenti deludente per LA.

Thomas è ora andato su Twitter per esprimere la sua gratitudine per l’effusione di supporto che ha ricevuto durante il suo viaggio verso un ritorno NBA:

https://twitter.com/isaiahthomas/status/1472298284173639684

La nuova guardia dei Lakers non ha altro che amore per i tifosi, che gli hanno dato supporto e incoraggiamento negli ultimi due anni. Venerdì, Thomas ha ricevuto una standing ovation dal pubblico di casa dei Timberwolves mentre si registrava per la prima volta in partita dopo una pausa di otto mesi dalla lega.

Quello che possiamo dire con certezza è che dopo tutto il duro lavoro che ha fatto per tornare al punto in cui si trova ora, Isaiah Thomas non riposerà sugli allori. Attualmente ha un contratto di 10 giorni con i Lakers e siamo certi che farà tutto il possibile per sfruttare al meglio questa opportunità. Los Angeles è decimata dagli infortuni in questo momento, il che potrebbe aprire la porta a Thomas per assicurarsi un accordo per il resto della stagione con la squadra. Come tutti vorremmo vederlo, giusto?

LeBron James, i Lakers stanno dimostrando di essere i nuovi re OT della NBA

Nonostante tutte le critiche sulla loro età e sulla loro capacità di andare lontano, LeBron James e i Los Angeles Lakers stanno dimostrando di non essere una squadra che vorresti affrontare agli straordinari. Basta chiedere ai Dallas Mavericks, che sono solo l’ultima squadra a cadere vittima dei Purple and Gold in OT.

La frizione da 3 punti di Austin Reaves ha salvato i Lakers da quella che sembrava essere una sconfitta schiacciante contro una squadra di Mavs senza Luka Doncic. Nel processo, ha contribuito a migliorare la squadra a 5-1 quando si tratta di giochi OT.

Sì, è vero: i Lakers hanno il maggior numero di partite OT in questa stagione con sei e ne hanno vinte tutte tranne una.

L’unica sconfitta OT dei Lakers è arrivata per mano dei Sacramento Kings (che è stato un estenuante triplo OT che anche il cantante Halsey ha dovuto affrontare). Nel frattempo, a parte la loro ultima vittoria sui Mavs, hanno battuto i Likes dei San Antonio Spurs, Charlotte Hornets, Miami Heat e Indiana Pacers.

Mentre LeBron James e Co. probabilmente vorranno evitare di entrare negli OT, è senza dubbio cruciale che dimostrino di poter resistere alle esigenze di una partita NBA e chiudere le cose quando il gioco si fa duro.

Los Angeles è migliorata a 16-13 nella stagione con la vittoria, poiché ora scalano lentamente la scala della Western Conference e mostrano a tutti che tutte le preoccupazioni di inizio stagione su di loro sono esagerate.

Il messaggio sincero di Stephen Curry dopo il record di 3 punti

La superstar dei Golden State Warriors Stephen Curry ha superato Ray Allen per la maggior parte dei tiri da tre realizzati. Un traguardo a cui sono bastati pochi tiri nel primo quarto per realizzarlo. Poco dopo che il suo secondo ha fatto tre, è stato un arresto subito dopo. Curry non era a conoscenza del piano del Madison Square Garden per lui, ma è allora che è iniziata la celebrazione.

Reggie Miller stava chiamando il gioco e Ray Allen ha incontrato Curry sul pavimento per congratularsi con il nuovo leader da tre punti. È stato un momento pieno di emozioni, ed è stato impagabile.

“Era solo un momento speciale. Che apprezzo e che ricorderò per il resto della mia vita. In termini di ciò che significa per me superare Ray (Allen) e Reggie (Miller) e ragazzi che ho visto entrare nel gioco, è davvero speciale”, ha detto la superstar dei Warriors Stephen Curry a ClutchPoints.

Una volta realizzato lo scatto, potevi vedere visivamente le emozioni riversarsi da Curry. Per quanto i Warriors abbiano minimizzato, questo grande momento è stato qualcosa che tutti erano ansiosi di vivere. È anche un momento in cui sono tutti felici dietro di loro.

A volte la parte più difficile di catturare qualcuno in una gara è arrivare al traguardo. Questo è ciò che Curry ha vissuto nelle ultime partite. Una volta che ha parlato con i suoi compagni di squadra, ha espresso quanto fosse contento che la settimana e la gara fossero finite.

Ora siede sul trono da solo come il re dei tre punti. Ma la missione non è completa. Ora Curry vuole spingere quel record il più in alto possibile. Lo vuole così in alto che nessuno lo raggiungerà mai. Ma se qualcuno lo fa, sarà solo perché il numero 30 gli ha fatto credere di poterlo fare.

Brandon Boston Jr. lascia il segno nella storia dei Clippers nell’epica serata da 27 punti

I Los Angeles Clippers hanno sconfitto di misura i Boston Celtics 114-112 mercoledì sera. Strumentale nella vittoria dei Clippers è stata la guardia esordiente Brandon Boston Jr., che ha raggiunto il record in carriera di 27 punti per portare la sua squadra alla vittoria su Boston. Il nome appropriato di Boston ha anche inciso il suo nome nei libri di storia di Los Angeles nel processo.

I fan dei Clippers sanno che è una buona compagnia. Jamal Crawford ha praticamente fatto una seconda carriera segnando dalla panchina, portando a casa per tre volte il premio di sesto uomo dell’anno della NBA. Il fatto che Boston stia già facendo cose che Crawford ha fatto è davvero impressionante.

Non solo Boston ha avuto bisogno di soli 11 minuti per stabilire un nuovo record in carriera nel punteggio, ma non aveva nemmeno paura del miglior difensore del perimetro dei Celtics, Marcus Smart. Il rookie dei Clippers ha detto che ha continuato ad andare contro Smart e gli ha persino sgridato abbastanza da essere chiamato per un fallo tecnico,

Il ventenne di Boston, preso con la 51a scelta al secondo turno del draft, di sicuro non manca di fiducia. Questo è eccitante per i Clippers, che potrebbero trarre vantaggio dall’aumento di un altro marcatore, specialmente nelle notti in cui Paul George è fuori.

È stata una serata eccellente e storica per Boston ei Clippers. Non solo, ma è stato emozionante per Boston, che ha dedicato la performance al suo amico e compagno di squadra del Kentucky Terrence Clarke, morto in un incidente d’auto ad aprile prima del draft NBA.

Una serata davvero speciale per Brandon Boston Jr. e i Clippers.

L’onesta interpretazione di Stephen Curry dei Warriors sulle riprese a luci spente di Andrew Wiggins

La superstar dei Golden State Warriors[canotte basket Golden State Warriors poco prezzo] Stephen Curry riconosce il contributo significativo di Andrew Wiggins alla fine offensiva.

Andrew Wiggins ha sparato a luci spente in questa stagione e i Warriors lo adorano. Lunedì, ha messo in scena una prestazione da urlo contro gli Orlando Magic, avendo perso 28 punti mentre inchiodava otto dei suoi 10 tiri da oltre l’arco.

Inoltre, Wiggins ha ora stabilito il record in carriera in termini di efficienza da tre punti, tirando oltre il 41% dall’area.

Soppesando la serie positiva di tiri del suo compagno di squadra, Stephen Curry, il miglior tiratore dei Warriors in persona, ha ammesso di essere ora sicuro che Wiggins possa davvero aiutare la squadra a segnare.

“Penso che sia una combinazione del lavoro che ha svolto”, ha detto Curry tramite NBC Sports. “Hai la sicurezza che deriva dal sapere che può tirare la palla”.

“È un marcatore straordinario, ma ha deciso cosa fa quando riceve la palla, che si tratti di tirare o guidare, accadono cose buone”, ha continuato Curry. “È anche un altro anno nel nostro sistema e capire da dove verranno i suoi colpi. Ti sbarazzi di quell’esitazione o di ripensamenti su cosa dovresti fare. ”

Wiggins, d’altra parte, è semplicemente estremamente felice di “lasciarlo volare”.

“Se vedo uno scatto aperto, uno scatto che mi piace, lo lascio semplicemente volare”, ha detto il 26enne. “Il fatto di essere in questa squadra, giocare con qualcuno come Steph [Curry] e Draymond [Green], ti daranno colpi aperti e bell’aspetto. Nella mia carriera, questo è l’aspetto più aperto che abbia mai ricevuto”.negozio canotte basket poco prezzo

L’ultimo infortunio dei Lakers dovrebbe forzare la mano di Frank Vogel

Per lo sgomento dei fan dei Los Angeles Lakers in tutto l’universo, Avery Bradley ha iniziato 16 delle 22 partite in questa stagione e ha giocato il quinto più minuto nella squadra.

Questo nonostante il fatto che Bradley, 31 anni, sia stato ingaggiato nel 15° e ultimo posto nel roster aperto dei Lakers il giorno prima dell’apertura della stagione dopo essere stato esonerato dai Golden State Warriors. Bene, questo e i numeri.

Certamente, la decisione dei Lakers di toccare Bradley come un altro volto familiare da riportare all’ovile – era parte integrante della squadra del titolo 2019-20 ma ha mancato la bolla a causa della malattia di suo figlio – è stata una conseguenza degli infortuni precampionato sulla fascia. Kendrick Nunn rimane fuori con un livido all’osso del ginocchio, Talen Horton-Tucker ha subito un intervento chirurgico al pollice e Wayne Ellington ha saltato le prime tre settimane della stagione a causa di uno stiramento al tendine del ginocchio.

È stata un po’ una sorpresa vedere Bradley inserito nel gioco nel quarto quarto della sconfitta notturna dei Lakers contro i Warriors. Tuttavia, è stato uno dei pochi Lakers in quel gioco che ha dato contributi positivi. Da allora, è diventato un pilastro fidato nella tanto diffamata formazione iniziale di Frank Vogel e nell’ira dei LakersTwitter.

Martedì, a Bradley è stata diagnosticata una distorsione del suo UCL al pollice destro. È stato escluso per il match di martedì contro i Sacramento Kings. Il team ha detto che sarà rivalutato mercoledì a Los Angeles. Horton-Tucker ha strappato lo stesso legamento. Non è irragionevole aspettarsi che Bradley perda un lungo periodo di tempo.

Ovviamente, è una sfortuna per Bradley e speriamo di rivederlo presto là fuori e il suo infortunio sia il più indolore possibile. Dal punto di vista dei Lakers, però, la sua assenza costringerà Frank Vogel ad apportare alcune modifiche. Non è una brutta cosa.

Le statistiche di Bradley sono orribili. I Lakers sono -10,7 punti ogni 100 possessi con lui in campo. Il loro punteggio netto è +2,3 con lui in panchina. Come ha notato Zach Lowe di ESPN, i Lakers sono un insondabile -107 nei suoi 467 minuti in questa stagione.

L’inclusione di lui e DeAndre Jordan nei cinque titolari non ha raffreddato la temperatura del sedile di Vogel’s, almeno nelle menti e nei cuori dei fan dei Lakers.

Ci sono pochi numeri passabili. Tira il 34,9% dalla distanza da tre punti. La loro formazione iniziale (AB/DJ/Bron/Russ/AD) ha difeso adeguatamente, anche se ha faticato molto a segnare.

Un giorno prima, lunedì, Vogel stava cantando le lodi di Bradley. Quando gli è stato chiesto specificamente quale valore vedesse in Bradley, Vogel ha riconosciuto le statistiche, ma ha spiegato che la sua intensità è teoricamente contagiosa.

“Lo sforzo e l’intensità sono contagiosi”, ha detto Vogel. “Gioca molto duramente. Conosco i numeri di cui parli. Li prendiamo con le pinze. Quando un ragazzo sta portando quel tipo di sforzo e intensità, è solo una cosa intangibile che dà energia al gruppo e dà il tono alla nostra difesa. Quindi ci sono molti aspetti positivi in ​​ciò che porta in tavola”.

Capisco la posizione di Vogel. Come io e il mio co-conduttore Cooper Halpern di Silver Screen & Roll abbiamo discusso sull’ultimo episodio di Lakers Multiverse (non per collegarlo o altro), Vogel sta bilanciando due ordini del giorno con questo team Lakers riorganizzato: in particolare, sta cercando di mescolare e abbinare le formazioni e affinare una rotazione. Più in generale, sta cercando di stabilire una cultura coerente, definita da un’adesione difensiva e, per usare un vogelismo, “fattore di cura”.

Bradley funge da modello, da proxy, per la cultura ideale e l’approccio in campo di Vogel’s. Per l’allenatore dei Lakers, il calo statistico vale la pena considerando il valore di Bradley come un esempio che lavora sodo e in costante movimento. (Sul pod, abbiamo coniato il termine “Bradley Button” per questo tipo di giocatore.)

Vogel si appoggia sicuramente alla sua familiarità con Bradley in mezzo a così tanti pezzi commoventi. La sua unica area di forza, la difesa perimetrale, è stata il tallone d’Achille dei Lakers in questa stagione.

Quindi questo è il caso di Bradley. Personalmente mi oppongo.

Per uno, i Lakers (11-11, con un brutale programma post-natalizio incombente) devono iniziare ad accumulare vittorie, con qualsiasi margine. Non sono un tipo da numeri puri, ma Bradley è così incredibilmente dannoso dal punto di vista statistico, che deve sostituire il suo impatto intangibile. Ha una tendenza controproducente a cercare maglioni. La sua difesa a palla potrebbe non essere più così buona e i Lakers non sono stati in grado di contenere le ali nonostante la sua presenza.

Inoltre, siamo realisti: una squadra guidata da LeBron James che è così compiuta, così esperta e con così tanta pressione e intenzioni dichiarate di lottare – e con così tanto lavoro da fare – non dovrebbe aver bisogno di Avery Bradley per impostare il tono .

Quindi, è un’altra opportunità per Vogel di tirare fuori una diversa formazione di partenza e modificare la rotazione delle sue ali. Vogel ha lasciato intendere che i Lakers probabilmente rimarranno con Anthony Davis al 4 per iniziare le partite fino al ritorno di Trevor Ariza, nel qual caso, aspettatevi di vedere Malik Monk, Wayne Ellington o Austin Reaves prendere il posto di Bradley (preferisco Reaves, considerando la sua consistenza e capacità bidirezionale). Forse Vogel darà al titolare della prima giornata Kent Bazemore la possibilità di riemergere dal suo solco.

Aggiungilo alla lista ancora lunga di cose che i Lakers devono capire.