Statistiche folli rivelano l’epica trasformazione di Stephen Curry di Warriors

La star dei Golden State Warriors Stephen Curry non sta rallentando un po’ mentre continua a battere i propri record nella sua 13a stagione nella NBA. Domenica sera contro i Los Angeles Clippers, il due volte MVP si è superato per un altro incredibile traguardo da tre punti che ha ulteriormente consolidato il suo posto come uno dei migliori, se non il migliore, tiratore che abbia mai giocato in campionato.

Curry ha ora inciso il suo nome nel libro dei record essendo il giocatore con il maggior numero di triple di sempre nelle prime 20 partite di una stagione regolare, superandosi non una ma due volte (tramite The Athletic). Il sette volte All-Star ha preso fuoco ancora una volta contro i Clippers, mettendo a segno sette triple e portando i Warriors alla 18esima vittoria della stagione.

Anche i numeri storici di Steph continuavano ad arrivare. Oltre ad essere il giocatore più veloce nella storia della NBA con oltre 100 triple, il sette volte All-Star ha anche fatto la storia della franchigia diventando il primo Warrior a registrare almeno 30 punti, cinque rimbalzi, cinque assist e cinque palle rubate in una partita dal Baron Davis nella stagione NBA 2004-2005 (tramite Jason Kubaktko di StatMuse).

Dopo aver saltato i playoff per due stagioni consecutive, Dub Nation sembra essere tornato alla vittoria in questa stagione, e la forma di Curry è stata il principale motore del loro successo. Il due volte campione in carica è tornato come capocannoniere della lega all’inizio di questa stagione mentre Golden State si trova in cima alla classifica. Sì, vai a capire.

La star dei Lakers Russell Westbrook risponde alla domanda sui fatturati

La star dei Los Angeles Lakers Russell Westbrook è uno dei giocatori più esaminati della NBA. Un punto debole nel gioco di Westbrook sono stati i suoi palle perse, qualcosa per cui è stato interrogato ancora una volta da un giornalista dopo la sconfitta di martedì contro i New York Knicks. Westbrook, chiaramente infastidito dalla domanda, ha risposto con un altro momento mediatico vintage.

Russell Westbrook non era interessato ad avere quella conversazione dopo un’altra dura sconfitta dei Lakers. Il sarcasmo gocciolante della star dei Lakers potrebbe essere visto in tutto lo spogliatoio dopo quella domanda. Westbrook ha avuto sei palle perse, ma in realtà sono piccole patate rispetto alla sua tripla doppia di 31 punti.

È certamente giusto per i fan e i giornalisti dei Lakers criticare Westbrook per le sue palle perse, ma d’altra parte, ha anche bisogno di ricevere credito per tratti positivi come le quattro partite che si avviano al tilt di martedì, un arco di gare che lo ha visto impegnare solo 12 omaggi.

Mentre è vero che Westbrook ha scavato da solo il buco dei Lakers, è stato anche determinante nel riportarli in gioco, come notato dal compagno di squadra Anthony Davis.

Westbrook, che gioca con la rabbia di un uomo a cui è stato rubato il pranzo, è uno dei giocatori più appassionati della NBA. È quella passione in campo e l’energia da 100 MPH che lo rendono ugualmente eccitante e frustrante.

A proposito di frustrazione, i Lakers sono una squadra difficile da guardare al momento. Tuttavia, non è la prima volta che una squadra guidata da LeBron James piena di stelle ha iniziato lentamente fuori dal cancello.

Una volta che i Lakers e Russell Westbrook avranno sparato su tutti i cilindri, saranno una squadra NBA difficile da abbattere.

La risposta onesta di Chauncey Billups all’interpretazione di Larry Nance al posto di Jusuf Nurkic

I Portland Trail Blazers[canotte basket Portland Trail Blazers poco prezzo] hanno battuto i Philadelphia 76ers 118-111 sabato sera al Moda Center, mettendo insieme tre vittorie consecutive per la prima volta in questa stagione dietro una prestazione dominante di Damian Lillard.

Le vittorie convincenti a due cifre sarebbero ovviamente l’approvazione più clamorosa delle speranze di titolo a lungo termine dei Blazers. Ma un trio di vittorie consecutive che si è ridotto al momento critico è comunque un indicatore positivo per Portland, soprattutto considerando che il capo allenatore dei rookie Chauncey Billups sembra aver optato per una formazione di chiusura preferita.

Larry Nance Jr. era a terra nella frizione contro i Sixers, proprio come lo era contro i Chicago Bulls e i Toronto Raptors. Jusuf Nurkic ha ammesso in seguito alla vittoria dei Blazers su Chicago che, sebbene la vittoria sia ancora la sua massima priorità e preoccupazione principale, sta ancora facendo i conti con il suo ruolo notturno pur continuando a perdere minuti contro Nance alla fine delle partite. Nurkic non lo ha nascosto nemmeno quando è stato ritirato dalla gara di sabato con 4:23 rimanenti.

Per essere chiari, Nurkic lanciando il suo portavoce con disgusto ed esprimendo frustrazione udibile in panchina non era solo perché Billups aveva convocato Nance per aiutare Portland a mettere via i Bulls. Aveva appena preso un paio di falli in rapida successione cercando di far scivolare i piedi con Tyrese Maxey sul perimetro, e quest’ultimo fischio, anche se chiaramente la chiamata corretta, è arrivato in ritardo angoscioso.

Nurkic aveva appena impresso la sua impronta anche su entrambi i lati del pavimento, scivolando fuori da uno schermo a sfera per una finitura liscia sul rotolo e poi volando dentro dal lato debole per un blocco sul bordo su Maxey. Ma una volta che è stato chiaro che la velocità di Nurkic sarebbe stata ulteriormente sfruttata da Philadelphia, giocando senza Joel Embiid, chiudendo in piccolo, Billups ha preso la stessa decisione sulla formazione che ha recentemente lasciato il suo centro titolare in panchina mentre i giochi sono in bilico.

“Gli sono andati addosso due volte e ha subito due falli”, ha detto Billups di Nurkic. “Ovviamente, se il big prende due falli veloci, continueranno a farlo, quindi ho sentito che avere Larry lì, dove possiamo passare da uno a cinque e non essere in copertura, ci avrebbe dato un vantaggio. Maxey e quei ragazzi hanno iniziato a scendere, arrivando a quello che volevano.

I Sixers si sono rapidamente avvicinati a cinque punti dai Blazers dopo che Nance è entrato per Nurkic, ma non si sono mai avvicinati. I loro 16 punti negli ultimi minuti della partita non indicano un ritardo nella difesa; la maggior parte di quei punti è arrivata con Philly che ha giocato a recupero dopo che la partita era già stata decisa.

La formazione finale di Portland composta da Damian Lillard, C.J. McCollum, Norman Powell, Nassir Little e Nance ha segnato 14 minuti del quarto trimestre nelle ultime tre partite. Nessun’altra formazione ha giocato più di sei minuti del genere in quel lasso di tempo. Chiaramente, Billups ha trovato una combinazione che gli piace, e sembra essere una che si allinea con il collettivo della lega, aumentando l’enfasi sulla palla piccola.

L’acquisizione di Nance ha sempre significato che Nurkic avrebbe probabilmente perso del tempo di gioco nel quarto trimestre contro determinati avversari. E per quanto una dinamica difficile come Billups sappia sia da ingoiare per un giocatore orgoglioso come Nurkic, non è eccessivamente preoccupato per quella ricaduta, specialmente perché i Blazers, ora oltre .500 a 9-8, iniziano finalmente a trovare il loro ritmo.negozio canotte basket poco prezzo

“Alla fine della giornata”, ha detto Billups, “sto solo cercando di ottenere la vittoria, comunque possiamo ottenerla”.

VIDEO: La star di Warriors Stephen Curry ottiene una sorpresa da MVP contro Kevin Durant, Nets

Stephen Curry e i Golden State Warriors hanno visitato Kevin Durant e i Brooklyn Nets al Barclays Center martedì, ma i fan del Dubs che si sono recati a New York per assistere alla partita si sono assicurati che la squadra di casa non avesse il vantaggio in casa.

La legione di fan dei Warriors ha anche dato a Curry una grande spinta mentre lo inondavano di cori MVP durante la partita.

Stephen Curry sta giocando a livello di MVP in questa stagione, quindi non c’è dubbio che si sia meritato quegli applausi. Tuttavia, ciò che lo ha reso ancora più divertente è che ha di fronte Kevin Durant, che è anche un candidato MVP in questa stagione. Come tutti sanno, sono ex compagni di squadra che si sono separati dopo aver dominato e seminato il caos in campionato per tre anni con i loro gol folli.

Sia i Warriors che i Nets dovrebbero raggiungere i playoff e, dopo un inizio caldo della campagna, un incontro nelle finali NBA non è fuori discussione per loro. Inoltre, hanno i migliori giocatori della NBA oggi a Curry e KD.

L’MVP tifa per Curry deve essere frustrante per i Nets, però. Dopotutto, c’è sicuramente qualcosa che non va quando i tifosi di casa sono messi in ombra e sopraffatti dai visitatori.

La guardia dei Clippers rivela come Tyronn Lue abbia provato esilarante a farlo parlare in pratica

Il nuovo arrivato dei Los Angeles Clippers Eric Bledsoe si è aperto sulla positività che l’allenatore Tyronn Lue e i suoi compagni di squadra portano negli allenamenti di squadra.

Dopo aver giocato le sue prime 13 partite per i Clippers, la guardia veterana Eric Bledsoe sta diventando sempre più a suo agio con la sua nuova squadra.

Secondo Bledsoe, che si è unito ai Clippers la scorsa offseason, il Lob City lo ha “accolto” calorosamente e dal momento che non parla molto, l’allenatore Tyronn Lue spesso “ha pasticciato” con lui durante gli allenamenti di squadra solo per fargli aprire la bocca.

“Ho ottimi compagni di squadra”, ha detto Bledsoe tramite Tomer Azarly di ClutchPoints. “E T-Lue mi ha incasinato molto in pratica cercando di farmi parlare … mi ha detto, ‘Non devi dirmi niente, ma ti prenderò in giro’. Quindi sarà divertente, per essere onesti. È tutta energia positiva”.

Sebbene l’allenatore Lue debba ancora ammettere se Bledsoe stesse dicendo la verità, è felice che il 31enne si stia ora “prendendo agio” con la sua squadra.

“Voglio dire, quando gli facciamo dire due parole significa che si sta mettendo a suo agio”, ha detto Lue di Bledsoe.

Bledsoe ha iniziato la stagione tirando solo il 39,7% dal campo con un ancora più deludente 24,5% da oltre l’arco. Tuttavia, i Clippers lo hanno rassicurato sul fatto che gli “errori” non sono un grosso problema in quanto fanno parte del gioco.

“Mi hanno appena detto di giocare al mio gioco, andare là fuori e giocare al mio gioco”, ha rivelato il due volte membro della squadra All-Defensive. “‘Non preoccuparti per gli errori, che ne derivano.’ Mi hanno accolto a braccia aperte e quindi è stato abbastanza divertente attraverso le lotte, devo solo andare avanti.”

Tre musicisti Jazz ricevono multe a seguito di alterco tra Rudy Gobert e Myles Turner

La NBA ha sanzionato tre giocatori degli Utah Jazz e un giocatore degli Indiana Pacers a seguito di una colluttazione tra Rudy Gobert e Myles Turner. La spinta e lo spintone dai centri li hanno fatti espellere entrambi dal gioco.

I due giocatori coinvolti nell’alterco hanno ricevuto una multa ciascuno: Gobert ha ricevuto una multa di $ 35.000 per averlo avviato mentre Turner è stato multato di $ 25.000. Donovan Mitchell, che è stato anche espulso, è stato multato di $ 20.000 per aver aggravato la situazione parlando spazzatura con la panchina dei Pacers. Joe Ingles è stato multato di $ 30.000 per aver spinto un arbitro nel bel mezzo della schermaglia, che ha fatto espellere anche lui.

L’incidente tra Gobert e Turner è avvenuto durante il quarto quarto di gioco, in cui i Pacers hanno vinto 111-100.

Dopo la partita, Mitchell ha detto che gli arbitri erano in colpa per aver permesso il combattimento. La guardia tiratrice stellare dello Utah ha affermato che consentire troppi contatti all’inizio ha portato all’aumento dell’intensità. Gobert ha detto ai giornalisti che alcuni giocatori dovrebbero smettere di comportarsi come se stessero andando a combattere. Turner ha detto che la presa di Gobert per i suoi pantaloncini è stata una mossa sporca.

I Pacers ei Jazz si affronteranno ancora una volta in questa stagione l’8 gennaio in Indiana. Anche se gli animi di questo alterco saranno probabilmente esauriti per allora, l’intensità tra Gobert, Turner e queste due squadre sarà qualcosa da tenere d’occhio.

Philadelphia 76ers: tre osservazioni dal matchup contro i Raptors

Giovedì i Philadelphia 76ers[canotte basket Philadelphia 76ers poco prezzo] hanno terminato la loro partita in casa con un matchup contro i Toronto Raptors. I Sixers si sono trovati ancora una volta in difficoltà lungo il tratto e, sfortunatamente, non sono stati all’altezza. I Raptors se ne andarono con una vittoria per 115-109, estendendo la serie di sconfitte dei Sixers a tre partite.

Ecco alcune osservazioni dall’ultima sconfitta dei Sixers.

3. Tobias Harris è stato impressionante in cambio
I rinforzi stanno lentamente arrivando per i Sixers dopo una settimana di gioco estremamente ridotto. Prima della soffiata di giovedì, Harris è stato esonerato dai protocolli di salute e sicurezza. Per qualcuno che ha appena perso sei partite, Harris ha avuto un ritorno molto positivo all’azione.

In poco più di 36 minuti ha totalizzato 19 punti, sette rimbalzi e sette assist. Potrebbe non aver tirato la palla in modo efficiente come siamo abituati a vedere, ma c’era da aspettarselo per qualcuno che ha perso molto tempo.

Dal punto di vista dei Sixer, dovrebbero vedere il ritorno di Harris come un successo quasi perfetto. È stato in grado di registrare grandi minuti, salire e scendere bene dal pavimento ed è riuscito a riempire il punteggio della scatola. Mentre alcuni giocatori hanno faticato dopo essere tornati da una lunga pausa, non è stato così per l’attaccante dei Sixers.

2. Tyrese Maxey è legittimo
Maxey è stata la stella dei Sixers nel loro ultimo match con i Milwaukee Bucks ed è stato probabilmente il più grande campione di nuovo contro i Raptors. La guardia del secondo anno continua a stupire con il suo ruolo ampliato in questa stagione.

Maxey ha guidato i Sixers nel punteggio per la seconda partita consecutiva, chiudendo la serata con un record stagionale di 33 punti. Il 21enne ha anche collezionato quattro rimbalzi, cinque assist, un recupero e due stoppate per andare avanti con la sua raffica di gol.

Ciò che si è distinto di più da questa prestazione è stata la sua capacità di raggiungere la linea del tiro libero. Maxey non è uno che fischia sempre, ma è sceso senza sosta contro i Raptors ed è riuscito a raggiungere il traguardo per otto volte.negozio canotte basket poco prezzo

In vista dell’anno, molti si sono chiesti se Maxey fosse in grado di fare il salto di cui i Sixers avevano bisogno. Sulla base del suo recente allungamento, la giovane guardia sembra pronta ad affrontare qualsiasi sfida gli venga posta di fronte.

1. Fallendo ancora una volta
Per la maggior parte, i Sixers hanno fatto un ottimo lavoro rimanendo competitivi nonostante circostanze sfortunate. Detto questo, nel corso dei giochi è quando il loro elenco esaurito è stato una debolezza lampante.

I Sixers meritano molto credito per la loro resilienza, hanno combattuto duramente fino alla sirena finale nei loro ultimi tre matchup. Anche con i loro valorosi sforzi, non sono stati in grado di evitare la fatica.

Dover registrare grandi minuti su più partite sta iniziando a mettere a dura prova i Sixers. I ragazzi sono sembrati gasati e questo ha influenzato il loro gioco. I Raptors sono una squadra fisica che non sarà messa da parte. Sono quasi impossibili da battere se non puoi eguagliare la loro energia.

Mentre i Sixers tornano in piena salute, questo non sarà un problema. La domanda è per quanto tempo la squadra può resistere prima che l’usura aggiuntiva abbia un impatto maggiore sul roster.