L’ultimo infortunio dei Lakers dovrebbe forzare la mano di Frank Vogel

Per lo sgomento dei fan dei Los Angeles Lakers in tutto l’universo, Avery Bradley ha iniziato 16 delle 22 partite in questa stagione e ha giocato il quinto più minuto nella squadra.

Questo nonostante il fatto che Bradley, 31 anni, sia stato ingaggiato nel 15° e ultimo posto nel roster aperto dei Lakers il giorno prima dell’apertura della stagione dopo essere stato esonerato dai Golden State Warriors. Bene, questo e i numeri.

Certamente, la decisione dei Lakers di toccare Bradley come un altro volto familiare da riportare all’ovile – era parte integrante della squadra del titolo 2019-20 ma ha mancato la bolla a causa della malattia di suo figlio – è stata una conseguenza degli infortuni precampionato sulla fascia. Kendrick Nunn rimane fuori con un livido all’osso del ginocchio, Talen Horton-Tucker ha subito un intervento chirurgico al pollice e Wayne Ellington ha saltato le prime tre settimane della stagione a causa di uno stiramento al tendine del ginocchio.

È stata un po’ una sorpresa vedere Bradley inserito nel gioco nel quarto quarto della sconfitta notturna dei Lakers contro i Warriors. Tuttavia, è stato uno dei pochi Lakers in quel gioco che ha dato contributi positivi. Da allora, è diventato un pilastro fidato nella tanto diffamata formazione iniziale di Frank Vogel e nell’ira dei LakersTwitter.

Martedì, a Bradley è stata diagnosticata una distorsione del suo UCL al pollice destro. È stato escluso per il match di martedì contro i Sacramento Kings. Il team ha detto che sarà rivalutato mercoledì a Los Angeles. Horton-Tucker ha strappato lo stesso legamento. Non è irragionevole aspettarsi che Bradley perda un lungo periodo di tempo.

Ovviamente, è una sfortuna per Bradley e speriamo di rivederlo presto là fuori e il suo infortunio sia il più indolore possibile. Dal punto di vista dei Lakers, però, la sua assenza costringerà Frank Vogel ad apportare alcune modifiche. Non è una brutta cosa.

Le statistiche di Bradley sono orribili. I Lakers sono -10,7 punti ogni 100 possessi con lui in campo. Il loro punteggio netto è +2,3 con lui in panchina. Come ha notato Zach Lowe di ESPN, i Lakers sono un insondabile -107 nei suoi 467 minuti in questa stagione.

L’inclusione di lui e DeAndre Jordan nei cinque titolari non ha raffreddato la temperatura del sedile di Vogel’s, almeno nelle menti e nei cuori dei fan dei Lakers.

Ci sono pochi numeri passabili. Tira il 34,9% dalla distanza da tre punti. La loro formazione iniziale (AB/DJ/Bron/Russ/AD) ha difeso adeguatamente, anche se ha faticato molto a segnare.

Un giorno prima, lunedì, Vogel stava cantando le lodi di Bradley. Quando gli è stato chiesto specificamente quale valore vedesse in Bradley, Vogel ha riconosciuto le statistiche, ma ha spiegato che la sua intensità è teoricamente contagiosa.

“Lo sforzo e l’intensità sono contagiosi”, ha detto Vogel. “Gioca molto duramente. Conosco i numeri di cui parli. Li prendiamo con le pinze. Quando un ragazzo sta portando quel tipo di sforzo e intensità, è solo una cosa intangibile che dà energia al gruppo e dà il tono alla nostra difesa. Quindi ci sono molti aspetti positivi in ​​ciò che porta in tavola”.

Capisco la posizione di Vogel. Come io e il mio co-conduttore Cooper Halpern di Silver Screen & Roll abbiamo discusso sull’ultimo episodio di Lakers Multiverse (non per collegarlo o altro), Vogel sta bilanciando due ordini del giorno con questo team Lakers riorganizzato: in particolare, sta cercando di mescolare e abbinare le formazioni e affinare una rotazione. Più in generale, sta cercando di stabilire una cultura coerente, definita da un’adesione difensiva e, per usare un vogelismo, “fattore di cura”.

Bradley funge da modello, da proxy, per la cultura ideale e l’approccio in campo di Vogel’s. Per l’allenatore dei Lakers, il calo statistico vale la pena considerando il valore di Bradley come un esempio che lavora sodo e in costante movimento. (Sul pod, abbiamo coniato il termine “Bradley Button” per questo tipo di giocatore.)

Vogel si appoggia sicuramente alla sua familiarità con Bradley in mezzo a così tanti pezzi commoventi. La sua unica area di forza, la difesa perimetrale, è stata il tallone d’Achille dei Lakers in questa stagione.

Quindi questo è il caso di Bradley. Personalmente mi oppongo.

Per uno, i Lakers (11-11, con un brutale programma post-natalizio incombente) devono iniziare ad accumulare vittorie, con qualsiasi margine. Non sono un tipo da numeri puri, ma Bradley è così incredibilmente dannoso dal punto di vista statistico, che deve sostituire il suo impatto intangibile. Ha una tendenza controproducente a cercare maglioni. La sua difesa a palla potrebbe non essere più così buona e i Lakers non sono stati in grado di contenere le ali nonostante la sua presenza.

Inoltre, siamo realisti: una squadra guidata da LeBron James che è così compiuta, così esperta e con così tanta pressione e intenzioni dichiarate di lottare – e con così tanto lavoro da fare – non dovrebbe aver bisogno di Avery Bradley per impostare il tono .

Quindi, è un’altra opportunità per Vogel di tirare fuori una diversa formazione di partenza e modificare la rotazione delle sue ali. Vogel ha lasciato intendere che i Lakers probabilmente rimarranno con Anthony Davis al 4 per iniziare le partite fino al ritorno di Trevor Ariza, nel qual caso, aspettatevi di vedere Malik Monk, Wayne Ellington o Austin Reaves prendere il posto di Bradley (preferisco Reaves, considerando la sua consistenza e capacità bidirezionale). Forse Vogel darà al titolare della prima giornata Kent Bazemore la possibilità di riemergere dal suo solco.

Aggiungilo alla lista ancora lunga di cose che i Lakers devono capire.

La star dei Lakers Russell Westbrook risponde alla domanda sui fatturati

La star dei Los Angeles Lakers Russell Westbrook è uno dei giocatori più esaminati della NBA. Un punto debole nel gioco di Westbrook sono stati i suoi palle perse, qualcosa per cui è stato interrogato ancora una volta da un giornalista dopo la sconfitta di martedì contro i New York Knicks. Westbrook, chiaramente infastidito dalla domanda, ha risposto con un altro momento mediatico vintage.

Russell Westbrook non era interessato ad avere quella conversazione dopo un’altra dura sconfitta dei Lakers. Il sarcasmo gocciolante della star dei Lakers potrebbe essere visto in tutto lo spogliatoio dopo quella domanda. Westbrook ha avuto sei palle perse, ma in realtà sono piccole patate rispetto alla sua tripla doppia di 31 punti.

È certamente giusto per i fan e i giornalisti dei Lakers criticare Westbrook per le sue palle perse, ma d’altra parte, ha anche bisogno di ricevere credito per tratti positivi come le quattro partite che si avviano al tilt di martedì, un arco di gare che lo ha visto impegnare solo 12 omaggi.

Mentre è vero che Westbrook ha scavato da solo il buco dei Lakers, è stato anche determinante nel riportarli in gioco, come notato dal compagno di squadra Anthony Davis.

Westbrook, che gioca con la rabbia di un uomo a cui è stato rubato il pranzo, è uno dei giocatori più appassionati della NBA. È quella passione in campo e l’energia da 100 MPH che lo rendono ugualmente eccitante e frustrante.

A proposito di frustrazione, i Lakers sono una squadra difficile da guardare al momento. Tuttavia, non è la prima volta che una squadra guidata da LeBron James piena di stelle ha iniziato lentamente fuori dal cancello.

Una volta che i Lakers e Russell Westbrook avranno sparato su tutti i cilindri, saranno una squadra NBA difficile da abbattere.